Befana: perché porta i doni?

di francesca Commenta

La leggenda narra che non essendo stata pronta a festeggiare a dovere la nascita di Gesù Bambino, abbia deciso di amare con tutto il cuore, da quel momento, i bambini di ogni parte del mondo. Lasciando stare che la storia non mi convince e che mi suona come il comportamento di chi non vuole sentirsi in colpa, di certo quella della Befana è una figura piuttosto misteriosa. Si aggira nei cieli, probabilmente a bassa quota per portare doni e nessuno la vede mai. Coloro che la incontrano, raccontano di una vecchina dall’aspetto burbero e vestita di stracci. Questo mi fa pensare che non sia nemmeno particolarmente profumata. I suoi regali sono quasi esclusivamente dolcetti e per i monelli, carbone.

Come Babbo Natale, in qualche modo, è in grado di scrutare i bimbi e capire quando si sono comportati molto male ed, infatti, al momento in cui aprirete la vostra calzetta dove lei lascia i doni saprete già cosa trovare. Conoscete già quanti capricci e monellerie avete compiuto durante l’anno, quindi mettetevi il cuore in pace e accettate ciò che vi dona. Al massimo farete meglio l’anno successivo. Non dimenticate, però, di appendere la vostra calzetta sul camino e se non lo avete in casa, bene in vista. E’ chiaro che più grande sarà e maggiori saranno le probabilità di mangiare tante caramelle, ma non esagerate.

Arriverà la notte del 6 gennaio, quando le feste sono finite e voi siete tristi perché sta per ricominciare la scuola con le sue dure e noiose dure lezioni. Non abbattetevi, comunque, non si dimenticherà di voi e almeno aprirete i libri con un bel dolcetto in bocca. Magari riuscirete pure a scoprirla e a strapparle un sorriso o forse resterà sempre quella figura mitica che aspettate senza crederci troppo. Se poi non venisse? Se cambiasse idea? Tranquilli, non succederà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>