Feste estive, la bellezza dei fuochi di artificio

di Valentina Commenta

D’estate, con l’arrivo delle temperature più alte ed il bel tempo, la popolazione tende a celebrare qualsiasi cosa: a partire dal Santo Patrono fino all’ultimo ortaggio presente negli orti. Ed i fuochi di artificio vengono scelti per la propria bellezza.

fuochi d'artificio

Sebbene alcune persone li possano trovare un disturbo alla propria quiete nei piccoli paesi, l’attrattiva che questi strumenti pirotecnici ottengono nei confronti di turisti o semplici spettatori è così grande da rendere il loro uso non solo giustificato ma anche ricercato. E’ importante comprendere una cosa in particolare delle celebrazioni: per essere ritenute complete hanno bisogno di un elemento spettacolare al loro interno. Che si tratti di un particolare lume, o uno striscione non importa: vi è bisogno di attirare l’attenzione delle persone per chiudere in bellezza lo spettacolo.

Ed i fuochi di artificio in tal senso rappresentano il meglio di ciò che il mercato offre. Più sono grandi ed imponenti e più sono in grado di attirare l’attenzione e di incuriosire. Anche le persone nelle zone limitrofe che non di rado arriveranno a chiedersi dove tale spettacolo abbia avuto luogo per considerare una futura visita alla festa specifica o a qualsiasi altra celebrazione verrà fatta nel paese che l’ha organizzata. I giochi pirotecnici di luce sono il migliore mezzo di marketing sul quale un paese possa contare per attirare i turisti e quindi un guadagno a sé. Un mezzo diretto e molto bello scenograficamente che tende a lasciare tutti quanti soddisfatti.

Va ammesso: quante persone nonostante possano arrivare a detestarne il rumore si affacciano alla finestra per vedere che tipologia di fuochi di artificio stiano esplodendo in cielo?

Photo Credit | Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>