Albero di Natale: naturale o artificiale?

di isayblog4 0

Ogni anno sempre lo stesso dubbio: albero di Natale naturale o artificiale? In questo senso, ci sono i fedelissimi di quello vero che trovano che sia molto più caratteristico e reale, ma il rischio è che a fine festività finisca in un cassonetto e un vegetale che poteva vivere sia inutilmente condannato a morte. Per questo negli ultimi anni ha preso piede l’abitudine di riportarlo al vivaio dove si compra o di affidarlo a speciali operatori che in alcune città di Italia si occupano della raccolta. C’è da dire poi che questo tipo di albero, essendo vivo tende a perdere le tipiche foglie a forma di ago e a sporcare parecchio. In ogni caso si tratta di una scelta legata al proprio personalissimo gusto e alle proprie esigenze.

E’ vero altrettanto che l’albero di Natale nel Belpaese è una tradizione irrinunciabile, tanto che ogni anno se ne vendono circa 10 milioni di esemplari, senza contare coloro che appunto avendo scelto quelli artificiali continuano a prendere in soffitta sempre lo stesso per riempirlo di addobbi vari, luci e palline. Quello naturale, di solito, riguarda un abete, un pino, o un’altra conifera sempreverde.

L’albero di Natale artificiale, invece, può essere riprodotto con vari materiali sintetici, a seconda del costo e della scelta. Lo stesso vale, ovviamente, per le dimensioni. Ci sono quelli particolarmente alti, quelli medi e quelli piccolissimi che possono pure arredare in vario modo la casa. Di solito viene addobbato nel periodo che precede la notte della Vigilia, il 24 dicembre seguendo tendenze, colori e gusti del momento. La maggior parte delle persone lo prepara dopo l’8 dicembre. Ai suoi piedi si sistemano i regali da scambiarsi con i propri cari e viene poi rimosso e smontato il giorno del 6 gennaio, della Befana che, infatti, si dice che “tutte le feste porta via” in attesa di un nuovo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>