Capodanno 2012: quale spumante far bere ai bambini?

di isayblog4 0

 

Voi brindate e loro fanno i capricci: i bambini ci tengono a “fare le cose dei grandi” e non si rendono conto che ci sono cose che potrebbero far loro più male che bene. Ecco perchè nel corso degli anni molti prodotti sono stati adattati alle esigenze infantili e resi più leggeri o comunque alla portata dei ragazzi. Un caso su tutti è recente e risale ad una manciata di stagioni ed è lo spumante per bambini che ha prodotto la Walt Disney per permettere loro di brindare il 31 dicembre allo scadere della mezzanotte. In questo modo, dunque è possibile far festa insieme a loro ancora di più ma ovviamente c’è il trucco. Si perchè la bevanda è frizzante ma in fondo è al gusto di frutta e adatta alla loro età, contenendo acqua e zucchero e non alcool. Attenzione, però, a non perdervi nei particolari e portatelo in tavola rigorosamente freddo.

Per i più grandi il discorso non cambia ma solo la bottiglia:  per augurarsi un felice 2012 lo spumante deve essere rigorosamente italiano e del resto lo champagne non si usa più e raramente si trova nelle case degli italiani. La bella notizia è che almeno negli ultimi anni, anche all’estero abbiano preferito le noste bottiglie soprattutto in Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti. In calo vertiginoso invece lo champagne francese, forse perchè non è conveniente il rapporto qualità-prezzo. La crisi internazionale del resto si fa sentire pure in questo settore e a quanto pare noi viviamo meglio la recessione in tema di bottiglie da stappare per il Capodanno 2012.

 

 

Che cosa differenzia lo spumante da qualunque altra bibita? Si tratta di vino caratterizzato da spuma dovuta alla presenza di anidride carbonica non aggiunta dall’esterno. Essa si produce durante la fermentazione e si manifesta all’apertura della bottiglia. Se ne trovano vari tipi e adatti ad ogni tasca ed esigenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>