Cucina di Natale: il Christstollen

di isayblog4 0

 

Il Christstollen non è famosissimo da noi, eppure è un dolce antichissimo che affonda le sue radici addirittura nel Trecento ed ha origini tedesche. E’ sempre stato un ottimo prodotto natalizio e la sua realizzazione iniziò ad essere una costante, quanto il  Vescovo di Naumburg concesse alla corporazione dei panettieri un nuovo privilegio, imponendo loro di fornire a Natale, due Stollen di un mezzo moggio di grano ciascuno. Questo valeva anche per i suoi successori. 

A quel punto il dolce divenne famoso, anche se ben poco resta delle ricette utilizzate all’epoca. In generale, sono andate perse. Tuttavia a Dresda gli Stollen di Natale sono già citati nel 1438 e poi nel Cinquecento la loro realizzazione continuò. In particolare in questi anni i pasticcieri vinsero sui panettieri e si considerarono loro quelli in grado di confezionare i pani più fini e quindi anche gli Stollen. Un diritto che lo ha reso un alimento più zuccherino. La storia degli Stollen comunque non ha avuto periodi di declino ed, infatti, nella storia è stata riservata loro una parte di gran protagonisti. In linea di massima, nei libri venivano citati tributo a principi e signori e persino il famoso “Konigsstollen” di Dresda deve aver avuta tale funzione. Questo almeno fino al 1529. Ora ci troviamo in un periodo della storia in cui tutte le tradizioni tendono a perdersi, la tecnologia e il cambiamento della società ci tolgono il tempo di dedicarci alla cucina e tutto quello che portiamo in tavola è a disposizione.

Fino a qualche decennio fa, invece, le cose erano molto diverse e il dolce veniva confezionato in casa dalle casalinghe. Le massaie le preparavano per la loro famiglia ed era un motivo per riunirsi tutti insieme intorno alla tavola. I risultati erano ovviamente ottimi e, quindi, non si compravano solo dai pasticcieri che, in fondo volevano essere pagati fior di quattrini in molti casi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>