Italiani al risparmio: regali di Natale 2011 riciclati

di isayblog4 0

Gli italiani sono sempre stati tentati in fondo dal regalo riciclato perchè permette di risparmiare e comunque magari di levarsi dai piedi un dono ricevuto precedentemente e non gradito. Poco importa se non piacerà nemmeno alla persona che a sua volta dovrà spacchettarlo nuovamente. Quest’anno il fenomeno è stato ancora più presente, forse perchè la crisi economica si fa sentire, tanto che il Belpaese si è posizionato come campione europeo nel regalo rifilato. La ricerca in merito, recentissima, è stata condotta da Vivastreet.it sul fenomeno del re-gifting e il sito specializzato in annunci gratuiti non ha avuto dubbi sl risultato.

In testa a tale tipo di scambio ci sono portafoto, maglioni dai colori esagerati e profumi dall’odore troppo intenso. Insomma,  di solito il regalo riciclato si riconosce facilmente soprattutto se il mittente non è proprio esperto e non sa come comportarsi. Se è vero, però, che quel che conta il pensiero, non potrete lamentarvi ma meglio non ricambiare con la stessa moneta per non dare vita ad una catena che, anno dopo anno, non avrà fine. L’80 per cento degli italiani comunque ha dichiarato stavolta di aver ricevuto cadeaux sgraditi o doppi.Vivastreet ha lavorato su un campione di 6.000 utenti e il 74 per cento degli intervistati parla di 1, 2 o addirittura tre doni non graditi. I francesi hanno lamentato lo stesso problema nel 53,1 per cento dei casi e gli inglesi nel 46,2 per cento. Chi vive nello Stivale dichiara di aver venduto regali non graditi negli ultimi 5 anni contro il 45.4% degli inglesi e il 27% dei francesi. In merito è intervenuta pure Marta Fioni, Business Development Manager di Vivastreet.it la quale ha detto: “Ogni anno dal 25 dicembre notiamo un forte incremento di annunci nella sezione casa del nostro sito anche la rubrica moda e bellezza segue la stessa tendenza. Quest’anno dal 25 al 27 dicembre sono stati registrati ben 10.000 nuovi annunci con un incremento del 96% del traffico sul sito”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>