Natale: c’era una volta il presepe

di isayblog4 0

 

C’era una volta il presepe, è proprio il caso di dirlo. Oggi rimane appannaggio di mostre, appassionati e famiglie profondamente religiose. Certo ci sono sempre le dovute eccezioni, però è sicuro che il vero protagonista di questa festa di fine anno, a parte la nascita di Gesù Bambino e l’arrivo di Santa Claus, è l’albero natalizio. Quello che preoccupa un pò tutti, insieme ai regali da fare ai propri cari, è soprattutto quale decorazione mettere, il colore delle palline e controllare se le luci si accendono ancora o se, essendo state sistemate male, si sono bruciate. Una volta i più piccoli conoscevano bene la realtà dei pastorelli e dei Re Magi in viaggio per portare doni al neonato divino.

A casa mia mio padre ha letteralmente distrutto la scrivania. Questa veniva ogni anno “sequestrata” a novembre e cominciava un lavoro molto intenso tra sistemazione di casette realizzate da lui stesso con vari materiali, montagne in sughero e alberi con il muschio. I pastorelli dovevano avere diverse dimensioni, perché quelli che si trovavano a distanza e si vedevano appena dovevano essere minuscoli.

Un altro mio zio, invece, faceva e in realtà fa ancora, in Sicilia, un presepe incredibile con tanto di giochi di luce che ricreano l’alba e il tramonto, con sottofondo musicale. Nel tempo ha acquistato in giro pastorelli intenti nelle loro attività quotidiane che si muovono  e davvero lo spettacolo è garantito. In questi casi, quello che emoziona non è solo il sapiente lavoro, ma anche l’effetto. Insomma, è bello sapere che c’è ancora chi ci crede profondamente e che si impegna sacrificando ore al riposo, per ripetere la scena della Natività, in modo più o meno elaborato. E’ il simbolo religioso per eccellenza, ma in una società dove sembra aver vinto il consumismo, alla fine, nelle case non manca mai solo l’albero di Natale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>